Testimonianze allievi

TESTIMONIANZE CORSO MBSR FALL 2019 – ALICE Z.

“Carolina sa trasmettere pace. Del corso sono così entusiasta che nulla mi sembra debba essere cambiato”.

TESTIMONIANZE CORSO MBSR FALL 2019 – PAMELA LODOLO

“La voce di Carolina, i suoi modi e lo spazio, accogliente e pulito. Mi sono sentita protetta, circondata, avvolta, guidata, seguita e ascoltata. Ho respirato tanto e con serenità. Grazie!”.

TESTIMONIANZE CORSO MBSR FALL 2019 – LUCA

“Non pensavo che praticare mindfulness e aprirsi con il gruppo sarebbe stato così facile”.

TESTIMONIANZE CORSO MBSR FALL 2019 – SARA

“Un percorso che mi ha permesso di imparare a dedicare del tempo a me stessa, accogliendo ogni emozione, pensiero e sensazione con semplicità, senza rimprovero o giudizio. Anche quelli più negativi o difficili”.

TESTIMONIANZE CORSO MBSR FALL 2019 – MARINA

“Ho apprezzato gli approfondimenti di Carolina, la possibilità di condividere le mie emozioni, gli esercizi di coppia, la varietà dei temi proposti, le poesie, la qualità delle meditazioni guidate e la sensazione di sentirmi a casa ogni volta”.

TESTIMONIANZE CORSO LO YOGA DELLA TOTALITA’ con Silvia Brambilla – C.S.

“Sono molto soddisfatta della proposta di Yoga. Corso ben guidato, vengono mostrate le posture adatte a ciascun allievo e l’insegnante è molto accogliente e chiara nell’introdurre le posizioni durante la lezione. Con calma e tempo si è in grado di lasciare la propria zona di comfort e testare i propri limiti sia mentali che fisici”.

TESTIMONIANZE CORSO LO YOGA DELLA TOTALITA’ con Silvia Brambilla – M.

“Ho trovato un luogo sereno pronto ad accogliermi dopo una giornata piena. Sento maggior consapevolezza del mio corpo e riesco a lasciare da parte la ruminazione mentale. La notte del martedì, dopo la lezione di Yoga, è quella in cui ho il sonno più profondo”.

TESTIMONIANZE CORSO LO YOGA DELLA TOTALITA’ con Silvia Brambilla – FRANCESCO

“Uno degli aspetti che ho apprezzato da subito è stata la grande attenzione posta anche nei dettagli delle diverse posizioni e nel proporre lavori su regioni corporee spesso trascurate, portando a un coinvolgimento fisico e mentale davvero globale”.